Il 2018 di Zia Fenice!

Ho pensato molto a come impostare questo ultimo articolo dell’anno. Mentre rimuginavo sul cosa proporre, mi sono accorta di non aver mai parlato in maniera approfondita del mondo dei kdrama (una delle mie grandi passioni insieme alla letteratura e l’arte) o per meglio dire,  qui sul blog ci sono state carrellate di suggerimenti e recensioni ma mai vere e proprie classifiche riguardo il mondo delle serie tv coreane. Ho dunque deciso di proporvi questa Top10, sperando che vi piaccia e che sopratutto possa essere un’incentivo a recuperare (qual’ora non l’aveste ancora fatto) questi kdrama.

  • Mr.Sunshine  : kdrama dell’anno in cui lo spettatore ripercorrerà un periodo storico particolarmente caro alla Corea e cioè l’apertura “obbligata” all’Occidente con conseguente invasione delle superpotenze di Russia e America sul territorio. Altra insidiosa questione è quella del Giappone che stabilitasi sul territorio, vuole impadronirsi del suolo coreano. Seguiamo le vicende di chi vorrebbe l’indipendenza della Corea, che quest’ultima sieda forte insieme alle altre per avere una “voce” sulle vicende della propria terra ma anche altri personaggi, tutti fondamentali per la trama e che (chi più chi meno) contribuiranno a fare la storia della Nazione (la trama ed altri particolari di questo progetto lo troverete qui sul blog in un’articolo tutto dedicato a questo gioiellino).

mr sanshine

  • Something in the rain : Questo è stato senza ombra di dubbio il kdrama più realistico di sempre, nel definire e raccontarci le difficoltà e le dinamiche di una coppia sud-coreana. I kdrama sono soliti infatti, presentarci un certo tipo di stereotipi di genere e dinamiche da “manga giapponesi” per quanto riguarda il rapporto tra uomo e donna.  In questo caso invece ci troviamo di fronte alla verità nuda e cruda. Ad una donna per la società (e sua madre), considerata quasi troppo vecchiaia per sposarsi e metter su famiglia ed un ragazzo più giovane di lei che se ne innamora perdutamente. Ma i due devono fare i conti con il Paese in cui vivono, con le mille contraddizioni e ostacoli che comporta “amarsi in Corea”. Per la prima volta si svelano le rigidità della società coreana quando si parla di rapporti amorosi, sfatando così molti di quegli aspetti “perfetti” lindi e puri che tendono a portare sullo schermo gli sceneggiatori coreani.

prettynoonasnow

  • Live: (il mio preferito sotto ogni punto di vista). Kdrama bellissimo, tratta delle dinamiche della polizia coreana ed in particolare della divisione che si occupa di pattugliare le strade della città. I casi sono complessi ed alcuni molto toccanti. I personaggi sono caratterizzati benissimo ed i problemi della quotidianità che la sceneggiatura dipinge, sono realistici ed imprescindibili per capire le dinamiche della “caserma”. Particolarmente importante nella serie è la discussione (un punto ancora molto dolente in Corea) del ruolo della donna nella società coreana, problematiche che del resto ancora persistono, seppur in maniera minore, anche in Occidente.

live

  • Welcome to waikiki: Se state cercando una commedia con personaggi fuori di testa, situazioni imbarazzanti e folli, che rimanga comunque fedele alla classica struttura delle sitcom americane, allora Welcome to waikiki fa al caso vostro. Un gruppo di giovani-adulti, alle prese con un neonato, una pensione da gestire e cumuli di debiti, tra lacrime e risate. Perché quello che questo drama insegna è alleggerire anche le situazioni più disperate.(prevista una seconda stagione che si preannuncia “frizzicarella”).

Waikiki-1

  • Life : Kdrama che tratta le vicende di un complesso medico-ospedaliero. Il drama si concentra molto su una delle problematiche che accompagna anche la sfera sanitaria americana e cioè la “privatizzazione”, da parte di grandi agglomerati della finanza, di strutture mediche a discapito della popolazione meno abbiente che dunque non può sostenere i costi (spesso molto cospicui) per le cure.  Davvero bellissimo, interessante dal punto di vista dei casi e sopratutto un cast che fa meraviglie nell’interpretare la sceneggiatura (c’è uno dei più bravi attori coreani in circolazione Koo Seung hyo).

Life-2018_cr.jpg

  • What’s wrong segretary Kim : Commedia romantica, che ha riscosso un enorme successo in patria (dovuta sopratutto alla coppia principale di attori Park-Park), questo drama tratta il rapporto tra un Ceo di una compagnia prestigiosa coreana e la sua fedele segretaria. Tutto inizia con la richiesta di congedo di quest’ultima decisa dopo tanti anni di lavoro, a godersi la vita e ritrovare se stessa. Ma…

tumblr_pa0ezqMVKX1rvpnp8o1_540

  • The Player : Questo è forse il progetto più forte proposto dalla OCN (canale che ci regala meraviglie se si tratta di drama crime). Un gruppo di “ladri” ognuno con una storia particolare alle spalle, che puntata dopo puntata li collegherà imprescindibilmente non solo tra loro ma anche e sopratutto al “caso” principale, perno del drama. Non potrete far altro che affezionarvi alla squadra e “sperare che se la cavino” tra un cazzotto e l’altro. Qualcuno “ci lascerà le penne”?….Chissà!

The-Player-Poster3

  • The smile has left your eyes : Questo è un drama difficile da definire e che in realtà è la versione coreana di una serie tv giapponese. Tratta le vicende di un ragazzo, molto ambiguo e dal passato offuscato da moltissime vicende tetre che incontra accidentalmente la protagonista femminile. Se state pensando alla classica trama romantica, scordatevela. Anche le combinazioni e gli “escamotage” proposti dalla sceneggiatura per farli incontrare e dare l’input alla storia sono tutt’altro che prevedibili. Odierete e poi amerete, comprenderete il personaggio maschile e la sua complessità. Parteggerete fino alla fine per il fratello/poliziotto della protagonista e tiferete poi per lei, come forse pochi drama riescono a fare con un personaggio donna (spesso presentato, nei Kdrama, fragile e carina che va per questo protetta e coccolata).

this smile

  • Your Honor : Kdrama che segue le vicende di una ragazza particolare, dalla storia difficile alle spalle, alle prese con il voler diventare un Procuratore della Corea. C’è poi il “nostro” lui, che (ovviamente non vi dico come e perchè), si troverà a ricoprire inaspettatamente il ruolo del giudice più famoso di tutta la Nazione. Un drama che alterna scene esilaranti, con scene davvero emozionanti, sia nei dialoghi che nei vari casi che vengono dipanati nel corso della serie.

your-honor-cover

  • 100 days my pince: Il Kdrama storico/romantico del 2018 è senz’altro questo. Si tratta infatti di un drama in costume tradizionale che tra i protagonisti vanta la partecipazione di D.O (per chi non lo sapesse un idol coreano del gruppo Exo) ed una bravissima Nam Ji-hyun. Quest’ultima, per una serie di rocambolesche ed intricate vicende, si ritroverà ad avere in casa e “sposare” il principe ereditario. Ma non crediate che sia la solita favola romantica in salsa “rosa”.

100 days my p.

Quest’anno pare che moltissimi sceneggiatori abbiano avuto a cuore tantissimi problemi e difficoltà che hanno (e affliggono tutt’oggi) il Sud-corea, tant’è vero che moltissimi progetti proposti nel 2018 hanno affrontato temi quali la malasanità, l’abuso edilizio, la corruzione politica, le falle nei sistemi processuali e nei corpi di polizia coreani, delineando così una Nazione che “finalmente” seppur in maniera romanzata, mostra per intero le sue debolezze senza vergogna.  Pochi sono stati poi, i progetti commedia/romantica e tra questi, anche su questo genere si è preferito andare sul “realistico” senza rabbonire la pillola. Insomma la parola chiave di quest’anno è stata REALTÀ. Dunque oltre alla top10 vorrei inserire quei progetti che non sono entrati nella rosa dei “miei” preferiti oppure che non sono riuscita a recuperare durante l’anno ma che sicuramente vedrò:

Un ringraziamento speciale alla mia piccola fenice Myriam L. senza la quale non ci sarebbe stata questa classifica. Buon viaggio a vedersi nel nuovo 2019 con tante letture che ci attendono, progetti da realizzare e tante, tantissime serie tv coreane!

P.s. Scusate ma non potevo concludere se non con questa immagine della banda di folli di Waikiki.

waikiki 2.jpg

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: